e la costituzione della Pax Deorvm Hominvmqve La locuzione Pax Deorvm indica “la Pace degli Dei”, ovvero l’unità ferma e sal­da delle Cause Divine Eterne, degli Dei, nel loro Principio Divino Trascendente, nel Padre degli Dei. La Pax Deorvm può essere resa immanente in un dato ente o in un parti­colare istituto civile voluto e fondato dal Padre degli Dei. La presenza immanente della Pax Devm è stata attualizzata in Roma da Romolo con l’Avgvstvm Avgvrivm, ma Romolo non ha costituito solo la presenza immanente della Pace Divina nell’Urbe, egli ha anche integrato nell’Unità Divina di tutti gli Dei l’ente costituito, e in esso il Popolo e ogni istituzione religiosa. In virtù di questo atto esemplare di religio, Romolo ha “riletto” in Dio quanto da lui costituito, così ha realizzato l’unione integrata dell’esistente nell’Essere, dell’immanente nel Trascendente, dell’umano nel Divino e del terrestre nel Celeste, stabilendo fra i diversi enti una concordia unitaria perfetta, così come era presente ai primordia dell’umanità. Quando si produce la salda unione dell’umano nella Pace degli Dei abbiamo la Pax Deorvm Hominvmqve, la Pace degli Dei e degli uomini, uno stato di cose nel quale la Pax Deorvm sovrasta sem-pre ogni dominio contingente, umano e



Per continuare a leggere accedi o registrati

Accesso per utenti iscritti