Per comprendere i tratti significativi di ciò che costituisce lo sviluppo della situazione in corso, bisogna fare un breve cenno alla concezione filosofico-religiosa della oikeiosis, la quale è stata ben articolata e definita nell’ambito filosofico a partire da precisi fondamenti religiosi, sui quali si ritenne fondare per stabilire ciò che è proprio dell’uomo e delineare le dinamiche che lo portavano ad attuare il suo essere reale. Oikos è il luogo proprio, o anche lo stato proprio, o altresì la dimensione dell’atto proprio. Oikeios è ciò che è appropriato, ciò che è secondo il luogo proprio, lo stato proprio o la dimensione propria. Oikeiosis è il processo di appropriazione di sé, del proprio essere, ovvero anche la costituzione del soggetto nel suo stato proprio, o se si vuole ancora la dinamica attraverso cui viene attualizzata la natura propria di un dato ente. Se queste definizioni vengono applicate all’uomo, occorre intendere come oikeiosis il processo che attualizza il suo essere proprio, la natura essenziale dell’uomo, in tal caso, diverse concezioni dell’uomo hanno dato luogo a diverse elaborazioni della concezione dell’oikeios umano e dunque anche dell’oikeiosis che ne esprime l’attualizzazione. Quando si parla di oikeiosis bisogna definirne degli stadi, in quanto la costituzione



Per continuare a leggere accedi o registrati

Accesso per utenti iscritti